Please select your page
  • Visiona le circolari
    Consulenza fiscale e societaria - Consulenza del lavoro

Circolare n. 2 2015- La legge di stabilità 2015

Circolare 2/2015-C del 13.01.2015

La Legge di Stabilità 2015

- Le novità in materia di fisco -

Con la legge di stabilità per il 2015 (Legge n. 190 del 23.12.2014) il legislatore ha introdotto numerose modifiche in materia fisco e lavoro. Nella presente trattazione analizziamo sinteticamente le principali novità.

Nuovo regime fiscale forfettario

Viene introdotto un nuovo regime fiscale agevolato a favore delle persone fisiche in sostituzione degli ormai abrogati regimi agevolati. Dal 01.01.2015 i contribuenti che applicavano i regimi delle nuove iniziative produttive, di vantaggio per l’imprenditoria giovanile oppure per gli “ex-minimi”, accederanno automaticamente al nuovo regime dei minimi, previa verifica dei requisiti, oppure potranno optare per il regime ordinario. Nonostante l’abrogazione, il regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile può continuare ad essere applicato in via transitoria e fino a scadenza naturale dai soggetti che già lo applicavano nel 2014.

Deduzione IRAP sul lavoro

Come noto, il costo del lavoro non è deducibile ai fini IRAP, ciò nonostante sono previste alcune deduzioni che permettono di abbattere l’imponibile IRAP in sede di dichiarazione. Con la legge di stabilità viene introdotta la deduzione integrale del costo del lavoro a tempo indeterminato.

Per i soggetti che non si avvalgono di lavoratori dipendenti, è previsto un credito d’imposta pari al 10% dell’IRAP lorda, che sarà utilizzabile in compensazione nel modello F24.

Credito d’imposta per ricerca e sviluppo

A partire dal 2015 e fino al 2019, è previsto un credito d’imposta pari al 25% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti realizzati nei 3 periodi d’imposta precedenti, innalzato al 50% per i costi di ricerca e per le spese in personale altamente qualificato. L’agevolazione spetta a tutte le imprese che sostengano spese per attività di ricerca e sviluppo pari ad almeno 30.000 euro relative a: spese per personale altamente qualificato; quote di ammortamento delle spese di acquisizione/utilizzazione di strumenti ed attrezzature di laboratorio (costo unitario non inferiore a 2.000 euro);  costi di ricerca in collaborazione con università, enti ed organismi di ricerca e altre imprese, comprese le star-up innovative; competenze tecniche e privative industriali.

Ampliamento dell’agevolazione sul rientro dei cervelli

I docenti ed i ricercatori in possesso di titolo di studio universitario che divengono fiscalmente residenti in Italia, dopo aver vissuto e svolto attività di ricerca e docenza all’estero (non occasionalmente) possono usufruire dello sgravio del 90% dell’imponibile fiscale dei compensi per l’anno di rientro in Italia ed i tre successivi (ma fino al 2017).

Riqualificazione energetica e recupero edilizio

Le spese di risparmio energetico sostenute nel periodo 06.06.2013 - 30.12.2015 vengono agevolate al 65%, l’agevolazione viene riconosciuta anche per gli interventi su parti comuni condominiali, per l’acquisto e la posa di schermature solari e per l’acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale.

Allo stesso modo viene stabilito che la detrazione IRPEF del 50% si applica alle spese sostenute dal 26.06.2012 al 31.12.2015, inoltre, vengono riconfermate fino al 31.12.2015 le agevolazioni sull’acquisto di mobili finalizzati all’arredo, nonché dei grandi elettrodomestici rientranti nella categoria A+ (A per i forni).

Ritenuta sui bonifici

Viene aumenta dal 4% all’8% la ritenuta che banche e Poste sono tenute ad operare all’atto dell’accreditamento dei bonifici relativi alle spese di recupero del patrimonio edilizio e  di risparmio energetico.

Rivalutazione di terreni e partecipazioni

Viene disposta la riapertura della possibilità di rideterminare (alla data del 01.01.2015) il costo d’acquisto di terreni edificabili e agricoli nonché delle partecipazioni non quotate possedute a titolo di proprietà e usufrutto.

Possono accedere alla rivalutazione le persone fisiche, le società semplici, gli enti non commerciali e associazioni professionali.

Entro la data del 30.06.2015 gli interessati dovranno provvedere alla redazione ed all’asseverazione della perizia di stima, nonché al versamento dell’imposta sostitutiva [4% per le partecipazioni non qualificate (fino al 30.6.2014 pari al 2%) ed 8% per le partecipazioni qualificate e per i terreni (fino al 30.6.2014 pari al 4%)]. Di fatto la norma raddoppia le aliquote.

Nuove possibilità di ravvedimento operoso

Sono state ampliate le ipotesi di ravvedimento.

1/10 del minimo

Entro 30 giorni dall’insorgere dell’obbligo con riduzione a 1/15 per giorno di ritardo se questo non è superiore a 14 giorni

1/9 del minimo (nuova)

Entro il novantesimo giorno successivo a quello di presentazione della dichiarazione (entro 90 giorni dall’omissione o dall’errore quando non è prevista dichiarazione).

1/8 del minimo

Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno nel corso del quale è stata commessa la violazione (entro un anno dall’omissione o dall’errore quando non è prevista la dichiarazione)

1/7 del minimo (nuova)

Entro il termine per la presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in corso del quale è stata commessa la violazione (due anni dall’omissione o dall’errore quando non è prevista la dichiarazione)

1/6 del minimo (nuova)

Oltre il termine di presentazione della dichiarazione relativa all’anno successivo a quello in corso del quale è stata commessa la violazione (2 anni dall’omissione o dall’errore se non è prevista dichiarazione)

1/5 del minimo (nuova)

Se la regolarizzazione degli errori o delle omissioni avviene dopo il verbale di constatazione

 

Buoni pasto

Viene innalzata la quota non sottoposta a tassazione dei buoni pasto da 5,29 euro a 7 euro, nel caso in cui essi siano di formato elettronico.

Reverse charge

Il regime di inversione contabile viene ampliato alle seguenti ipotesi:

  • Prestazioni su edifici: servizi di pulizia, demolizione, installazione di impianti e completamento;
  • Trasferimenti di quote di emissioni di gas a effetto serra;
  • Trasferimenti di altre unità che possono essere utilizzate dai gestori e di certificati relativi al gas ed all’energia elettrica;
  • Cessioni di gas e di energia elettrica ad un soggetto passivo riveditore;
  • Cessioni di beni nei confronti di ipermercati, supermercati, ecc.. (in attesa di approvazione CE);
  • Cessioni di bancali di legno recuperati ai cicli di utilizzo successivi al primo.

Split payment

Viene previsto un particolare meccanismo di assolvimento dell’IVA per le cessioni i beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di Enti pubblici, che saranno tenuti a versare l’IVA direttamente all’Erario e non al fornitore.

Aliquota d’imposta degli e-book

Viene ridotta l’aliquota d’imposta applicabile agli e-book, che passa dal 22% al 4%.

IVA su pellet

L’aliquota IVA applicabile alle cessioni di pellet passa dal 10% al 22%.

Aumento aliquote IVA

Viene previsto un progressivo aumento delle aliquota IVA del 10% e del 22%.

In vigore

Dal 2016

Dal 2017

Dal 2018

10%

12%

13%

13% (no aumento)

22%

24%

25%

25,5%

L’incremento di cui sopra non sarà attuato qualora siano adottati specifici Provvedimenti che assicurino maggiori entrate o riduzioni di spesa mediante interventi di razionalizzazione della spesa pubblica.

IVA strutture ricettive unità da diporto (marina resort)

Viene prevista l’applicazione fino al 31 dicembre 2015 dell’iva agevolata del 10% sugli alloggi nei c.d. marina resort.

Canone Rai

Il canone Rai non subirà aumenti per il 2015.

Partecipazione dei comuni alla lotta all’evasione

Per gli anni 2015, 2016 e 2017 ai comuni è riconosciuta una quota pari al 55% delle maggiori somme relative a tributi statali riscosse a titolo definitivo, nonché delle sanzioni civili applicate sui maggiori contributi riscossi a titolo definitivo, a seguito dell'intervento del comune che abbia contribuito all'accertamento stesso.

Giochi

I soggetti che offrono scommesse con vincite in denaro senza essere collegati al totalizzatore nazionale possono regolarizzare la propria posizione presentando entro il 31 gennaio 2015 all'Agenzia delle Dogane e dei monopoli una dichiarazione di impegno alla regolarizzazione. E’ stata anche disciplinata l’attività delle agenzie di scommesse. Sono stati soppressi l’aumento del prelievo unico erariale (PREU) e la riduzione del pay-out, mentre sono state ulteriormente aumentate le imposte sul gioco illegale.

Proventi assicurazioni vita

Sono stati resi imponibili i proventi finanziari corrisposti ai beneficiari di un’assicurazione sulla vita a copertura del rischio demografico, corrisposti a seguito del decesso dell'assicurato.

Rimborso IRPEF

I rimborsi del credito IRPEF superiore a € 4.000 risultante dal mod. 730 in presenza di detrazioni per carichi di famiglia e/o eccedenze derivanti dalla precedente dichiarazione dovrà essere effettuato dall’Agenzia delle Entrate anziché dal datore di lavoro o ente pensionistico.

Moratoria mutui e finanziamenti

E’ stata disposta una nuova moratoria su mutui e finanziamenti a favore di famiglie e PMI con la possibilità di sospendere la quota capitale delle rate per il periodo 2015 – 2017.

Auto d’epoca

Confermata l’eliminazione dell’esenzione dal bollo per gli autoveicoli e per i motoveicoli ultraventennali di particolare interesse storico e collezionistico.

Incentivo acquisto veicoli ecologici

Viene prevista la soppressione per il 2015 del contributo riconosciuto ai soggetti che acquistano un veicolo nuovo a basse emissioni ovvero consegnano, per la rottamazione, un veicolo di cui sono proprietari / utilizzatori da almeno 12 mesi.

 

 

Rendita catastale immobili ad uso produttivo

Sono escluse dal calcolo della rendita catastale le componenti dei beni che, sebbene caratterizzanti la destinazione economica dell'immobile produttivo, siano prive dei requisiti di "immobiliarità", ovvero di stabilità nel tempo rispetto alle componenti strutturali dell'unità immobiliare (cd. imbullonati).

Dichiarazione e Comunicazione IVA

Viene eliminato l’obbligo di presentazione della dichiarazione unificata. La Dichiarazione IVA dovrà essere presentata entro fine febbraio e la comunicazione dati IVA è soppressa.

Black List

Viene modificato il comma 4 dell’articolo 167 del Tuir, stabilendo che si considera black list il paese che applicata un livello di tassazione inferiore del 50 per cento rispetto a quello italiano.

Imu e Tasi

Bloccato per il 2015 il tetto massimo (2,5 per mille) fino al quale i comuni possono aumentare l'imposizione fiscale sulla prima casa con un aumento extra limitato allo 0,8 per mille (quindi in totale 3,3 per mille) che scongiura quindi l'iniziale intenzione di innalzare la tassa fino al 6 per mille.

Sisma Emilia

Si estende al 30 giugno 2015 il termine ultimo entro il quale i fabbricati distrutti o inagibili ubicati nelle zone colpite dal sisma in Emilia del 2012 sono esenti dall’IMU, fino alla definitiva ricostruzione e agibilità dei fabbricati stessi.

Imi Bolzano

Estesa all’IMI la disciplina che consente la deducibilità del 20% dell’IMU relativa agli immobili strumentali ai fini della determinazione del reddito di impresa e del reddito derivante dall'esercizio di arti e professioni.

Aliquota agevolata accisa agricoltura

Ridotti del 23% i consumi medi standardizzati di gasolio da ammettere a regime agevolato in agricoltura.

 

 

Erogazioni liberali a ONLUS e partiti politici

In riferimento alle erogazioni a favore delle ONLUS viene stabilito che i contribuenti hanno diritto ad una detrazione pari al 26% fino ad un massimale di 30.000 euro (il precedente limite era fissato a 2.065 euro).

In riferimento alle erogazioni ai partiti politici viene specificato che sono detraibili (con aliquota del 26% nel limite massimo di 30.000 euro) anche le somme erogate dai candidati e dagli eletti alle cariche pubbliche ed in attuazione di quanto previsto da regolamenti o delibere statutarie dei partiti o movimenti politici beneficiari delle erogazioni medesime.

Associazioni sportive

Vengono riaperte le rateazioni decadute in caso di mancato versamento di una rata di pagamento di avvisi bonari e di accertamento da parte delle associazioni sportive.

Vengono equiparati i limiti di tracciabilità dei contanti a quelli della normativa antiriciclaggio, ovvero all’importo di 1.000 euro.

Cessione dei crediti della PA

Viene prevista una modifica alla disciplina della cessione (ad istituti bancari e finanziari) dei crediti della PA, con l’introduzione di una previsione nel DL n.66/2014 ai sensi della quale la regolarità contributiva del cedente deve essere attestata tramite rilascio di DURC nel momento stesso della cessione del credito tramite piattaforma digitale o comunque acquisita dalla PA ceduta.

Lavoratori frontalieri

Viene innalzato, a partire dal 01.01.2015, l’importo dell’esenzione dall’IRPEF per i redditi di lavoro conseguiti dai soggetti residenti in Italia che prestano attività lavorativa all’estero in zone di frontiera. Il nuovo importo applicabile dal 2015 è pari a 7.500 euro (in precedenza 6.700).

Campione d’Italia

Prevista una franchigia IRPEF per i redditi di pensione e di lavoro prodotti in euro dalle persone fisiche iscritte nei registri anagrafici del comune di Campione d'Italia (art. 188-bis, comma 3-bis, TUIR). In relazione a tali redditi, l'importo eccedente 6.700 euro concorrerà a formare il reddito complessivo dei predetti contribuenti.

Utili degli enti non commerciali

Viene prevista la riduzione dal 95% al 22,26% dell’esenzione da tassazione degli utili percepiti dagli enti non commerciali.

5 per mille

Viene prevista la messa a regime della disciplina dell’istituto del 5 per mille IRPEF disponendo l’applicazione a partire dall’esercizio finanziario 2015 delle disposizioni vigenti in materia e stanziando, per le finalità cui è diretto il 5 per mille, la spesa annua di 500 milioni di euro.

Sono, inoltre, introdotte sanzioni in caso di violazione degli obblighi di pubblicazione sul sito web e di comunicazione della rendicontazione da parte dei soggetti beneficiari.

Credito d’imposta autotrasporto

Il credito di imposta relativo alle accise sul gasolio per autotrazione, disposto dalle norme vigenti in favore degli autotrasportatori, non si applica ai veicoli di categoria euro 0 o inferiore.

A detto credito d’imposta non si applica la riduzione delle percentuali di fruizione disposta dalla legge n. 147/2013 non solo per l’anno 2014, ma anche per gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018. Di conseguenza, il taglio del 15% della percentuale di fruizione del credito di imposta in favore degli autotrasportatori relativo all’aumento dell’accisa sul gasolio opererà a partire dal 2019 e non più a partire dal 2015.

Riscossione dei tributi

Viene modificata la disciplina del discarico per inesigibilità delle somme iscritte a ruolo, ai sensi della quale il concessionario trasmette all'ente creditore una comunicazione di inesigibilità.

Editoria

Viene prorogato al 31.12.2015 il termine entro il quale gli operatori del settore editoriale devono effettuare l’adeguamento tecnologico ai fini della tracciabilità delle vendite e delle rese dei giornali quotidiani e periodici attraverso l’utilizzo degli opportuni strumenti informatici e telematici basati sulla lettura del codice a barre. E’, pertanto, riconosciuto anche per il 2015 il credito d’imposta ex art. 4, comma 1, DL n. 63/2012.

Lo Studio rimane a disposizione per ogni ulteriore chiarimento e approfondimento di Vostro interesse.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi e a migliorarne le funzionalità. Procedendo con la navigazione, acconsenti al loro utilizzo.